L’ANEC contro di Decreto che regola la riapertura delle sale cinematografiche

L’ANEC contro di Decreto che regola la riapertura delle sale cinematografiche

L’ANEC, Associazione Nazionale Esercenti Cinematografici, critica aspramente il DPCM che detta le regole per la fase 2 sulla riapertura delle sale cinematografiche.

Mario Lorini, presidente dell'Associazione, commenta così all’Ansa: ”Le misure in queste condizioni le misure per le sale cinematografiche sono irricevibili. Prefigurano un'insostenibilità economica e operativa che può minare il riavvio del settore”.

Lorini aggiunge: “Chiederemo urgentemente un confronto per opportune e necessarie revisioni. Abbiamo accettato la data per la ripartenza posta al 15 giugno ma, rispetto alle soluzioni per altre categorie, quelle che ci riguardano ci risultano inspiegabilmente penalizzanti e costituiscono anche un problema di immagine oltre che economico per il comparto”.

Tra le misure previste nel Decreto ci sono: “Obbligo di posti a sedere preassegnati e distanziati"…” Vietato il consumo di cibo e alla vendita al dettaglio di bevande e generi alimentari” …   “Obbligo di mascherine durante la visione del film” … “ Obbligo di misurazione  della temperatura corporea, all’ingresso, di ogni spettatore”.

Condividi Lascia un commento

Voto 5.00 su 5

giudizio di 9 votanti

Autore

Commenti (0)

Lascia un Commento

La tua e-mail non sarà resa pubblica, i campi obbligatori sono contrassegnati con *