Harrison Ford ricorda Sean Connery

Harrison Ford ricorda Sean Connery

Sono state tantissime le star del mondo del cinema e dello spettacolo in generale che hanno omaggiato con un messaggio di affetto e di cordoglio Sir Sean Connery per la sua scomparsa.

Tra questi non poteva mancare l’affettuoso e divertente ricordo di Harrison Ford che nel 1989 ha avuto Connery a fianco in Indiana Jones e l'ultima crociata diretto da Steven Spielberg e terzo episodio della tetralogia di Indiana Jones.

Nel film Connery era il prof. Henry Jones Sr., padre di Indiana, un ruolo che avrebbero potuto interpretare davvero in pochissimi.

Affidando questo suo pensiero a Variety, rievocando alcune tra le scene più divertenti che ha condiviso sul set del film con Sean Connery, Harrison Ford ha detto: "Era mio padre… non nella vita… ma in Indy 3. Non puoi sapere cosa sia la gioia finché qualcuno non ti paga per portare Sean Connery nel sidecar di una motocicletta russa che rimbalza su uno sconnessa stradina di montagna permettendoti di guardarlo dimenarsi per l’agitazione. Dio, quanto ci siamo divertiti - se sta in Paradiso, spero che là ci siano i campi da golf. Riposa in pace, caro amico".

Harrison Ford, Sean Connery, Indiana JonesHarrison Ford, Sean Connery, Indiana Jones

Una sequenza del film:

Anche George Lucas, che di Indiana Jones e l'ultima crociata ne è stato produttore esecutivo curandone il soggetto, ha reso omaggio a Sean Connery con un messaggio in cui ha esaltato le sue grandi doti artistiche: “Ha lasciato un’impronta indelebile nella storia del cinema, attraverso il suo talento e la sua energia. Il suo pubblico ha attraversato le generazioni e ogni spettatore ha avuto il suo personaggio preferito nella sua filmografia. Avrà sempre un posto speciale nel mio cuore come padre di Indy. Un uomo con la sua aria intelligente e autoritaria e, al tempo stesso, il suo leggero senso di ironia beffarda. Qualcosa che solo Sean Connery poteva rendere, trasformando Indiana Jones in un ragazzino contrito o rincuorato. Sono grato d’aver avuto l’opportunità di conoscerlo e di lavorare con lui”.

Condividi Lascia un commento

Voto 5.00 su 5

giudizio di 6 votanti

Autore

Commenti (0)

Lascia un Commento

La tua e-mail non sarà resa pubblica, i campi obbligatori sono contrassegnati con *