Laura Antonelli è morta

Laura Antonelli è morta

Il cinema è a lutto, ci ha lasciato un’indimenticabile icona sensuale degli anni Settanta e Ottanta: Laura Antonelli è deceduta questa notte nella sua casa di Ladispoli all’età di 73 anni. La Antonelli, nata il 28 novembre 1941 a Pola, città dell’Istria che all'epoca era italiana, conquistò e visse l'apice del successo negli anni settanta e ottanta, prima protagonista in film erotici e poi in pellicole d'autore. Insieme a Femi Benussi, Alida Valli e Sylva Koscina ha fatto parte del gruppo delle bellissime quattro attrici dalmato-istriane.Laura Antonelli

Docente di educazione fisica, iniziò ad affermarsi con il suo fascino e la sua bellezza nel mondo dei fotoromanzi e, dopo le prime comparse al cinema, il suo primo ruolo rilevante fu in Venere in pelliccia del 1969 che inizialmente però, per la natura erotica del film, fu censurato fino al 1975. Ma la notorietà la raggiunse prima, nel 1973, con Malizia, diretta da Salvatore Samperi, dove interpretava una sensuale cameriera promessa sposa di un vedovo interpretato da Turi Ferro: il film ottenne record d’incassi e Laura Antonelli come interprete vinse il Nastro d'Argento e il Globo d'Oro.

Ben presto dimostrò che la sua carriera ed i suoi successi non potevano esclusivamente limitarsi a ricoprire il ruolo di icona erotica ma il suo talento e la sua effettiva capacità recitativa meritavano altre ribalte: Mio Dio, come sono caduta in basso! (1974) di Luigi Comencini (con cui rivinse il Globo d'Oro), Divina creatura (1975) di Giuseppe Patroni Griffi, L'innocente (1976) di Luchino Visconti, Passione d'amore (1981) di Ettore Scola (candidatura per David di Donatello come migliore attrice non protagonista). Ecco la filmografia completa:

  • Il magnifico cornuto, regia di Antonio Pietrangeli (1964)
  • Le sedicenni, regia di Luigi Petrini (1965)
  • Le spie vengono dal semifreddo, regia di Mario Bava (1966)
  • Scusi, lei è favorevole o contrario?, regia di Alberto Sordi (1966)
  • La rivoluzione sessuale, regia di Riccardo Ghione (1968)
  • L'arcangelo, regia di Giorgio Capitani (1969)
  • Un detective, non accreditata, regia di Romolo Guerrieri (1969)
  • Venere in pelliccia, regia di Massimo Dallamano (1969-1975)
  • Sledge, regia di Vic Morrow (1970)
  • Gradiva, regia di Giorgio Albertazzi (1970)
  • Incontro d'amore, regia di Paolo Heusch e Ugo Liberatore (1970)
  • Gli sposi dell'anno secondo (Les mariés de l'an II), regia di Jean-Paul Rappeneau (1971)
  • Il merlo maschio, regia di Pasquale Festa Campanile (1971)
  • Senza movente, regia di Philippe Labro (1971)
  • Nonostante le apparenze...e purché la nazione non lo sappia...all'onorevole piacciono le donne, di L.Fulci (1972)
  • Trappola per un lupo (Docteur Popaul), regia di Claude Chabrol (1972)Laura Antonelli
  • Malizia, regia di Salvatore Samperi (1973)
  • Sessomatto, regia di Dino Risi (1973)
  • Peccato veniale, regia di Salvatore Samperi (1974)
  • Simona, regia di Patrick Longchamps (1974)
  • Mio Dio come sono caduta in basso!, di L.Comencini (1974)
  • Divina creatura, regia di Giuseppe Patroni Griffi (1975)
  • L'innocente, regia di Luchino Visconti (1976)
  • Gran bollito, regia di Mauro Bolognini (1977)
  • Mogliamante, regia di Marco Vicario (1977)
  • Letti selvaggi, regia di Luigi Zampa (1979)
  • Il malato immaginario, regia di Tonino Cervi (1979)
  • Mi faccio la barca, regia di Sergio Corbucci (1980)
  • Passione d'amore, regia di Ettore Scola (1981)
  • Il turno, regia di Tonino Cervi (1981)
  • Casta e pura, regia di Salvatore Samperi (1981)
  • Viuuulentemente mia, regia di Carlo Vanzina (1982)
  • Porca vacca, regia di Pasquale Festa Campanile (1982)
  • Sesso e volentieri, regia di Dino Risi (1982)
  • Tranches de vie, regia di François Leterrier (1985)
  • La gabbia, regia di Giuseppe Patroni Griffi (1985)
  • La venexiana, regia di Mauro Bolognini (1986)
  • Grandi magazzini, regia di Castellano e Pipolo (1986)
  • Rimini Rimini, regia di Sergio Corbucci (1987)
  • Roba da ricchi, regia di Sergio Corbucci (1987)
  • L'avaro, regia di Tonino Cervi (1990)
  • Malizia 2000, regia di Salvatore Samperi (1991)

Condividi Lascia un commento

Voto 5.00 su 5

giudizio di 1 votanti

Autore

Commenti (0)

Lascia un Commento

La tua e-mail non sarà resa pubblica, i campi obbligatori sono contrassegnati con *